Crawl Alimortax

Resoconto ultime due sessioni

Vi siete fermati alle pendici di una piccola collinetta, dove un colonnato antico custodisce un altare forse di Ulesh .
tempietto.JPG

Li sotto un eremita/viandante è raccolto in preghiera, ma lo avete ignorato in quanto evidentemente losco.

Durante la notte Akivasha ha avuto un sogno in cui un giovane cavaliere, con indosso e stesse armi trovate da Sabdon nel tempio delle colonne di vetro; il cavaliere le ha accompagnata in sogno prima verso est, oltre una collina a circa 3 km di distanza, dove si trovano le rovine di un villaggio e di un tempio in pietra. Proprio i resti delle fondamenta di questo tempio erano stati indicati dal cavaliere; dopodichè in volo si è diretto ad ovest, sempre a circa 3km dall’accampamento, dove su una collina con resti di antica pavimentazione, dove il cavaliere ha prima indicato tre buchi nel pavimento e poi una antica cripta dall’entrata monumentale posta alle pendici della collina adiacente.
Il giovane onirico ha poi detto come senza guerra non possa esserci pace ed è per questo che Ulesh considera Akivasha utile e necessaria.
Ha detto infine che se lo aiuterà, avrà la sua riconoscenza.

Dopo un inquietante risveglio, Akivasha e Maramund scambiano poche parole. Apparentemente il vecchio pazzo ha “perso” il sogno che stava aspettando, in favore di Akivasha. Decide così di seguire la volontà di Ulesh accompagnando il gruppo nel breve viaggio.
Abdul si rivela come sempre un simpaticone e salominicamente lascia fare ai “bambini” quello che cavolo gli pare; d’altronde ha altro per la testa, dato che anche lui ha avuto un sogno, uno tutt’altro che positivo per la carovana.
In ogni caso, il gruppetto composto da Akivasha, Maramund, Sabdon, Olimpia/Xena, Aulenzo, Jenna e Muyo parte verso le sue mete.
Arrivati alla collina su cui sorge il villaggio abbandonato, Yngwie si unisce a loro e li avverte di un campo nelle rovine. Due uomini (Banditi? Mercenari?) stanno a guardia di uno scavo. Uno abbattuto e l’altro salvato per i capelli da Maramund, non riescono a bloccare il gruppo. Nello scavo c’è uno specchio d’oro.
Il mercenario rivela il numero dei suoi compagni (4 scavatori ed altri due guerrieri) e dice di lavorare per un certo Orkan, uno studioso o nobile proveniente da una non meglio specificata città del Sud. Dopo due mesi al suo servizio, non hanno capito cosa diamine faccia, ma sono sicuri che stia cercando qualcosa di non comune, dato che parla con saggi, sapienti e cerca tra le rovine antiche.
Arrivato alla seconda collina, il gruppo piazza lo specchio nell’apposito supporto nella pietra e Sabdon capisce che lo specchio serve a riflettere la luce dell’alba all’interno della cripta moumentale. (e anche se la sara dice che ho copiato il voyager americano, non è vero.)
Avvicinandosi alla cripta stessa, i personaggi notano i cavalli del gruppo “avversario” e sentono il rumore dei picconi all’interno della buia bocca della tomba. La tomba è palesemente costruita dalla razza antica, così come molte delle rovine monumentali che il gruppo ha incontrato.
Il tanfo di morte è pesante e le tenebre sembrano vive.
Bisbigli oscuri di disperazione e paura arrivano alle orecchie dei coraggiosi che si addentrano per pochi passi nel pozzo di oscurità, finchè la comparsa di creature spettrali non mette tutti in fuga: il loro tocco incorporeo ed i loro malevoli occhi di gatto hanno lasciato Akivasha stranita e pallida.
Viene deciso di attendere l’alba per sfruttare la luce riflessa del sole e scacciare le tenebre. Maramund viene convinto a tornare indietro col prigioniero mentre Muyo e Jenna si uniscono al gruppo di esplorazione (zero rischi).
P.S: Giulia Galeone mi sono dimenticato ieri di dire che Jenna indossa l’armatura di maglia del mercenario morto. Segnalo sulla scheda della paesana please!
(Nella foto: Maramund)
maramund.png

Comments

gongoloberto

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.